Aperti dal lunedì alla domenica dalle 9.00 alle 19.30 con orario continuato
  • img_1984
  • img_1984

Una calopsite per amica!

Aspetto e Caratteristiche Fisiche

La calopsitta (Nymphicus hollandicus), è molto simile ai piccoli pappagalli nella forma e nelle dimensioni: presenta infatti un corpo snello, ali affusolate e una lunga coda appuntita. Tuttavia, ha un ciuffo o cresta erettile che la aiuta a esprimere i suoi stati d’animo e atteggiamenti.

Le femmine sono più opache rispetto ai maschi adulti, con meno giallo sul volto e più chiare sulla schiena, fianchi, sotto ala e coda. Le penne all’esterno della coda sono gialle e grigio chiaro, mentre quelle del maschio sono grigio scuro.

Carattere e comportamento

Il carattere della calopsitta è amichevole, giocoso e affettuoso. Questi pappagallini amano stare in compagnia del loro proprietario e passare il tempo sul suo braccio o spalla. Una calopsitta sana e che è stata fatta socializzare in modo adeguato, può diventare un meraviglioso animale da compagnia per la famiglia ed è anche ideale per chi vive in appartamento.

 

Come comunicano le calopsite

Capire il comportamento di un pappagallo calopsite può essere un po’ difficile per qualcuno alle prime esperienze e il modo migliore per farlo è osservarla attentamente; dopo un sufficiente periodo di tempo imparerai tuttavia a capire perché il tuo pappagallino si comporta in un certo modo e cosa vuole.

Le calopsiti comunicano attraverso il linguaggio del corpo e le vocalizzazioni, vediamo insieme come.

  • Perché le calopsite alzano e abbassano il ciuffo?

La calopsitta esprime le sue emozioni con il ciuffo, il modo in cui lo tengono può dire molto del loro stato d’animo. Se tiene le piume dritte e alzate significa che è spaventata, all’erta o altamente incuriosita, ma potrebbe anche indicare soddisfazione; quest’ultimo caso è facile da distinguere dagli altri dato che quando questi pappagallini sono di buon umore, è impossibile non notarlo. Quando la calopsitta sta sulla difensiva, tiene invece la cresta appiattita vicino alla testa e, nel caso in cui si mettesse anche a sibilare, significherebbe che è stressata o arrabbiata. Una calopsitta rilassata o felice, tiene invece la cresta indietro ma non rigida e con la punta ricurva, mentre le piume delle guance saranno leggermente gonfie.

 

-          Perché la calopsitta strofina e digrigna il becco?

Quando una calopsitta strofina la parte superiore del becco con quella inferiore, come se stesse digrignando, significa che sta per appollaiarsi per la notte, fare un pisolino oppure che è rilassata o assonnata. Un altro motivo per cui una Calopsite può strofinare il becco in questo modo è anche quello di prevenire l’accumulo di tessuto vivo e la crescita eccessiva delle mandibole.

-          Perché la calopsitta si appende a testa in giù?

Un’abitudine molto comune delle calopsite è quella di appendersi a testa in giù con le ali e le penne della coda spiegate, a volte anche sbattendo le ali vigorosamente. Questo comportamento indica che il pappagallino ha un forte desiderio e bisogno di fare il bagno, necessità che eventualmente può essere compensata spruzzandolo con un nebulizzatore spray.

Tuttavia se la calopsitta vuole riprodursi o è seduta sulle, questo comportamento è un avvertimento che non devi avvicinarti alla sua gabbia, altrimenti potresti ricevere una beccata.

-          Perché la calopsitta urla?

Possono esserci varie ragioni per cui una calopsitta urla e strilla, come per esempio un cambiamento dell’ambiente che non viene apprezzato o troppo rumore intorno alla gabbia. Altri motivi per cui il pappagallo potrebbe iniziare a urlare è che stai per lasciarlo da solo e vuole quindi richiamare la tua attenzione o non riesce a dormire a sufficienza.

-          Perché la calopsitta sbadiglia?

Un altro comportamento particolare delle calopsite è che sbadigliano in modo molto evidente. I motivi che portano a uno di questi sbadigli possono essere diversi: bisogno di assimilare più ossigenostappare le orecchie (spesso dopo aver ricevuto qualche grattino sulla testa) o liberare la gola da qualche allergia o polvere.

Tuttavia, se lo sbadiglio è accompagnato da eccessivi movimenti della testa, non ignorarlo: potrebbe infatti trattarsi di sinusite o di problemi respiratori.