Aperti dal lunedì alla domenica dalle 9.00 alle 19.30 con orario continuato
Piante & Fiori
Piante da esterno

Margherita AICG

  • margherita aicg
  • margherita aicg steflor
  • margherita airc genn2020 a
  • margherita aicg
  • margherita aicg steflor
  • margherita airc genn2020 a

Dall’5 marzo al 25 aprile torna la «MARGHERITA per AIRC».

Per il sesto anno consecutivo AICG (Associazione Italiana Centri Giardinaggio) e i suoi associati, da sempre sensibili alle tematiche sociali e alle iniziative benefiche, rinnovano il sostegno alla ricerca sul cancro di AIRC.

E lo fanno ancora una volta scegliendo la margherita, fiore della purezza per eccellenza e prodotto made in Italy al 100%.

 

La «MARGHERITA per AIRC», l’eccellenza interamente italiana – proviene dalla Riviera Ligure, in particolare dalla piana di Albenga, dove ogni anno ne vengono prodotti circa 10 milioni di vasi e garantita da FDAI – Filiera Agricola Italiana Spa, sarà contrassegnata da un’etichetta firmata FDAI e AICG. Si conferma quindi la grande attenzione di AICG per la produzione italiana e il made in Italy.

Ogni pianta di Margherita recherà un’etichetta “parlante” con QR code, grazie al quale sarà possibile accedere a una serie di contenuti speciali: testi, video e immagini per scoprire più nel dettaglio il progetto, le caratteristiche e le informazioni sulla coltura e sulla manutenzione della margherita, oltre alle informazioni su Aicg, Airc e il progetto di ricerca finanziato in questi anni.

Prezzo : 4,50€
TipologiaPiante fiorite
Vaso14
EsposizionePiena esposizione
AcquaMedia esigenza
TemperaturaMedia temperatura
Rinvaso e cure

Le radici della pianta di margherita tendono ad espandersi in larghezza ed in profondità e pertanto quando fuoriescono dai fori di drenaggio delle acqua delle annafiature la pianta va trasferita in un vaso più grande del precedente utilizzando terriccio fresco e fertile misto a sabbia, a un po’ di stallatico ben maturo e a una manciata di argilla espansa. Il vaso deve essere preferibilmente di terracotta.

Le radici della pianta di margherita tendono ad espandersi in larghezza ed in profondità e pertanto quando fuoriescono dai fori di drenaggio delle acqua delle annafiature la pianta va trasferita in un vaso più grande del precedente utilizzando terriccio fresco e fertile misto a sabbia, a un po’ di stallatico ben maturo e a una manciata di argilla espansa. Il vaso deve essere preferibilmente di terracotta.

Concimazione

Durante la ripresa vegetativa e ogni 3 – 4 mesi somministrare un concime granulare a lenta cessione specifico per piante da fiore. Per ottenere cespugli verdi e vigorosi la concimazione della Margherita va fatta con del fertilizzante ricco di ferro (Fe) e magnesio (Mg).

Caratteristiche botaniche

La margherita perenne è una pianta cespugliosa, di aspetto globoso, coltivata a scopo ornamentale sia in vaso e sia per abbellire angoli rocciosi del giardino.+

La margherita caratterizzata da un robusto apparato radicale rizomatoso che genera fusti fittamente ramificati ricoperti da foglie dentellate ed incise di colore verde brillante.

I  fiori bianchi o gialli sono formati da lunghi petali (ligule) ovali che fanno da contorno ad un grosso bottone centrale di colore giallo carico composto da numerosi stami.

La corolla contorna un disco centrale di colore giallo carico composta da numerose sacche polliniche che favoriscono l’impollinazione entomofila.

I frutti sono degli acheni ovali, bislunghi, neri e rigati di bianco.

Esposizione pianta

E’ una pianta perenne che ama i luoghi luminosi e soleggiati al massimo semi ombrosi purchè riparati dal vento. Non tollera il freddo rigido dell’inverno con temperature inferiori ai 5  gradi sotto lo zero. La pianta di margherita allevata in vaso sul balcone va posta in un angolo riparato e ben  illuminato, dove le temperature si aggirano intorno a 16 o ai 18° C.

Irrigazione

La margherita anche se resiste bene a brevi periodi siccitosi va irrigata frequentemente dalla ripresa vegetativa (marzo) fino all’inizio dell’autunno.  In inverno le annaffiature vanno sospese soprattutto se viene coltivata in piena terra in quanto sono sufficienti a mantenerla in vita le acque piovane. La margherita allevata in vaso va annaffiata solo quando il terreno è completamente asciutto per evitare il rischio del marciume delle radici

Correlati